Il torero messicano Mario Aguilar, 27 anni, è stato trovato morto nella sua residenza nella città messicana di Aguascalientes, come hanno riferito fonti familiari. La prima a trovare il corpo di Mario Aguilar è stata la ragazza, Mariana, 23 anni, la quale ha trovato il corpo sospeso del suo fidanzato, il quale si è impiccato cono una cintura di pelle, mentre l’altra estremità del cappio improvvisato legava il telaio di una porta che comunica con il patio di servizio.

Dal referto anche redatto dalla polizia, la ragazza  di salvare il giovane torero, tirandolo giù, tuttavia, dopo l’arrivo dei paramedici sulla scena, Mario Aguilar non aveva più i segni vitali, per i quali l’area era stata isolata in attesa dell’arrivo dello staff della Procura generale dello Stato. 

Mario Aguilar ha compito compì 27 anni il recente 22 maggio. Era un membro della scuola Tauromagia Mexicana insieme ai suoi inseparabili compagni di corrida, Octavio García “El Payo” e Arturo Saldívar, con il quale ha fatto il suo debutto come torero al Monumental Plaza México il 3 settembre 2006, con il toro “Campione” di Il gioiello e provocando un’impressione più che piacevole. Insieme ai suoi amici della corrida, Octavio e Arturo, andò in Spagna e fece il suo debutto nell’arena monumentale di Las Ventas a Madrid il 6 aprile 200, con il manzo “Fuentevasca” del distintivo La Martelilla, alternandosi con Agustín de Espartinas ed Eliseo Gallardo.

La violenza della Corrida comporta danni collaterali anche agli uomini più crudeli. Uccidere, con tanta ferocia, definendo tradizione un omicidio non può dare spazio a nessun intendimento. Non è uno spettacolo, non è tradizione la corrida. Umanamente, possiamo dire che questo ragazzo è vittima di un sistema che toglie l’umanità agli uomini. Non si può fare a meno di esaminare quali sono tutte le crudeltà che vengono inflitte a questi poveri. Prima che il toro venga ucciso, quando viene colpito dal matador vittorioso, sarebbe sottoposto a violenze di ogni tipo.

Nessuno merita di morire, animali compresi.

Claudio Lauretti