Si è spento all’età di 74 anni, l’attore Ronald Lee Ermey, celebre soprattutto per aver interpretato il Sergente Hartman in Full Metal Jacket. A darne il triste annuncio è stato via Twitter il suo manager di lunga data, Bill Rogin, spiegandone brevemente le cause del decesso, avvenuta a causa di alcune complicazioni dovute a una polmonite.

Oltre che per il suo ruolo più famoso nel capolavoro di Stanley Kubrick del 1987, che gli è valso una nomination al Golden Globe come Miglior attore non protagonista, Ronald Lee Ermey era conosciuto per aver vestito i panni anche di altre figure autoritarie, da ricordare sopratutto il sadico sceriffo Hoyt nel remake di Non aprite quella porta diretto da Marcus Nispel, ma anche in film come Mississippi BurningUltracorpi – L’invasione continuaSfida tra i ghiacciUna pallottola spuntata 33 e 1/3 l’insulto finaleSevenSospesi nel tempoSalton Sea. La sua filmografia conta un totale di oltre 120 titoli.

Dovere sapere che nella vita Ronald Lee Ermey era stato davvero un addestratore dei Marines ed era un sergente d’artiglieria ad honorem, veterano del Vietnam. La sua prima apparizione al cinema era stata quella di un pilota di elicotteri in Apocalypse Now, dove era consulente di Francis Ford Coppola. Aveva poi ricoperto proprio il ruolo di un istruttore dei marines in Dimensione inferno, prima di ricoprire nel 1987 il suo ruolo più iconico, quello del terribile sergente Hartman (doppiato splendidamente in italiano da Eros Pagni) in Full Metal Jacket, per cui era stato candidato al Golden Globe. Inizialmente assunto per preparare gli interpreti del film, era stato scritturato dal regista, impressionanto dalla sua performance, anche come attore.

Claudio Lauretti